Una associazione di laser game?

PERCHE’ UNA ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA

Il settore dei laserdromi annovera in Italia oltre 70 strutture e sta vivendo un nuovo momento di sviluppo. Rispetto ad altri settori del divertimento, gli impianti sono relativamente omogenei, pur con diversi fornitori.

Il settore non ha ad oggi una rappresentanza categoriale. Da questa carenza è derivata la mancata attenzione delle Autorità competenti. Sono pertanto da definire meglio gli aspetti autorizzativi e fiscali per l’esercizio di queste attività.

 

PERCHE’ ORA

Con decreto del Ministero per i beni e le attività culturali del 14 giugno 2012, questa attività è stata inclusa, su iniziativa dell’ANESV, tra le attrazioni dello “spettacolo viaggiante”, ovvero tra le tipologie di trattenimento ricomprese nell’ elenco emanato ai sensi dell’ art. 4 della legge 18 marzo 1968, n. 337. Tra esse è già inserito il “Telearmi: Tiro con carabina a raggi luminosi a circuito chiuso. Può consistere in un gioco con singolo apparecchio o dotato di più fucili, consentendo così un gioco di squadra” la cui descrizione corrisponde al gioco proposto nei laserdromi. E’ quindi possibile estendere Ai gestori di questa tipologia di strutture che gestiscano con partita iva – evitando la soluzione “associativa”, riservata a soggetti senza fine di lucro -alcuni benefici, conquistati dall’ ANESV in decenni di attività a tutela del settore dei parchi di divertimento, tra i quali:

l’ aliquota iva al 10% sui proventi derivanti dagli ingressi;

l’esonero dalla certificazione dei corrispettivi (scontrino fiscale);

la riduzione del 50% sugli importi dell’ imposta sulla pubblicità e pubbliche affissioni.

l’abbattimento della tariffa per la occupazione del suolo pubblico – ove corrisposta – calcolata con abbattimento dell’ 80% della tariffa;

l’accesso, riservato ai titolari di licenza di spettacolo viaggiante da almeno un triennio, ai contributi in conto capitale erogati dal Fondo Unico Spettacolo per l’ acquisto di attrezzature e beni strumentali.

 

CON CHI

Questa nuova forma di divertimento, presenta problematiche del tutto simili a quelle dei parchi di divertimento, quanto ad aspetti autorizzatori, norme di sicurezza degli impianti ed antincendio e problematiche fiscali. Anche riguardo agli aspetti costruttivi ed agli aspetti gestionali, le problematiche sono equivalenti ad altri spazi di spettacolo. Inoltre alcune strutture gestiscono spazi ludici ed attrezzature (piste di pattinaggio, minigolf, giochi gonfiabili ecc.) che sono qualificate come attività di “spettacolo viaggiante”.

L’ ANESV rappresenta da oltre sessant’anni le imprese che operano nel settore del tempo libero, e dal 1998 ha costituito una forma di rappresentatività specificamente riservata ai parchi di divertimento a carattere permanente: ne rappresenta oltre cinquanta, tra i quali Mirabilandia, e decine di parchi acquatici. Tra i circa 1.000 Soci ci sono inoltre centinaia di strutture per il divertimento dei bambini, sale giochi e kartodromi indoor ed oltre sessanta parchi avventura.

La struttura degli uffici nazionali è in grado di sopperire alle esigenze delle imprese che svolgono tale attività, provvedendo a circolarizzare notizie utili, novità in campo legislativo sulle materie fiscali ed i temi della sicurezza, avvalendosi anche dei siti internet www.anesv.it, www.parchipermanenti.it e www.parchiavventuraitaliani.it, della rivista bimestrale e della newsletter inviata telematicamente.

Sarebbe possibile estendere ai laserdromi i benefici già conseguiti a vantaggio dei Soci, quali la convenzione assicurativa, la rappresentanza del settore in sede Siae, UNI e CEN, per la emanazione di norme di sicurezza a carattere nazionale ed europeo, la possibilità di accedere ai contributi in conto capitale del Ministero per i beni e le attività culturali per l’acquisto di attrezzature, riservati a coloro che abbiano una licenza di cui all’art. 69 TULPS da almeno tre anni.

 

IL PERCORSO POSSIBILE

Sarebbe utile incontrare gestori e produttori del settore, per valutare le prime esigenze e le problematiche da affrontare con maggiore urgenza. In esperienze associative paragonabili, nelle quali le realtà imprenditoriali della produzione sono spesso coinvolte anche nell’ esercizio, è stata individuata una fase nella quale alcune imprese costruttrici e gestori con maggiore esperienza si sono incontrati per una conoscenza ed uno scambio di idee, libero dagli imbarazzi dell’ essere in concorrenza sul piano del mercato. In quella sede si potrebbe affrontare il tema dei costi, individuando una prima ipotesi di quota associativa.

Per riassumere gli elementi di questo progetto, si è utilizzata la metodologia SWOT, strumento di pianificazione usato per valutare i punti di forza, debolezza, le opportunità e le minacce di una iniziativa.

 

PUNTI DI FORZA- creazione di una rete di strutture- visibilità e rafforzamento della immagine del settore attraverso siti e pubblicazioni
– presenza sul territorio
– risparmio per le imprese, che fruiscono dell’aliquota iva del 10 per cento e dell’esonero dalla certificazione dei corrispettivi
– sottrazione del settore dal regime delle a.s.d, molto pericoloso per attività che in caso di controlli avrebbero difficoltà a dimostrare l’assenza di fini di lucro ed il rispetto dei vincoli associativi (convocazione dell’assemblea dei soci, approvazione del bilancio, verbali delle assemblee, elezioni delle cariche sociali ecc.)

 

 

PUNTI DI DEBOLEZZA- se non gestita nella forma della associazione o circolo privato, la struttura viene considerata:- “locale di pubblico spettacolo” e soggetta all’agibilità di cui all’art. 80 TULPS, previa verifica della commissione di Vigilanza sui Luoghi di Spettacolo;
– l’attrazione necessita di licenza comunale di cui all’art. 69 TULPS, di registrazione ed assegnazione del codice identificativo da parte dei comuni ai sensi del DM 18 maggio 2007.
OPPORTUNITA’- creazione di eventi comuni alle strutture (tornei, promozione di prodotti e spettacoli ecc.)- circolazione di idee e networking tra i gestori
– maggiore conoscibilità del settore da parte di potenziali investitori
MINACCE- un settore composto da singoli soggetti, senza una rete associativa, è privo di protezione rispetto a provvedimenti legislativi e fiscali.

 

Per informazioni: http://www.lasergameitalia.it e info@lasergameitalia.it